Fumetti nei non-fumetti

L’arte del non annoiare

Abbiamo parlato dei fumetti come strumento per fare awareness, creare nuovi contatti, trovare nuovi clienti e comunicare la propria azienda, ma non è tutto qui! 

I fumetti non sono solo un ottimo ponte per mettere in contatto il resto del mondo con te, ma possono servire anche come binari per mantenere alta l’attenzione e l’engagement con contatti esistenti, fornitori e clienti di lunga data.


Come?


Pensaci, come azienda dovrai creare un monte di documenti, brochure, listini, portfolio, perchè limitarsi a copy aridi e grafiche anonime? Perchè non sfruttare anche qui la potenza del fumetto? È un’opportunità unica per mostrarsi innovativi e interessanti, o confermarsi come tali con persone già fidate.


Immagina venire accolto da una copertina asettica e un indice chilometrico ogni volta che viene aggiornata un'informativa, listino prodotti, o qualsiasi altro documento. Ora invece immagina un’introduzione fatta dal tuo personaggi del brand, che espone le novità, e spiega di che parla il documento. Quale delle due ti invita di più a voltar pagina?


Certo è vero, gente di settore che ha bisogno di informarsi al riguardo leggerà i vostri scritti indipendentemente dal fatto che sia piacevole o meno farlo, ma non vuol dire che dobbiamo rendergli la vita più difficile. Si tratta anche di dargli una mano, alternare immagini e testo aiuta ad apprendere meglio le informazioni, e dopo averlo finito di leggere ti ringrazierà per non avergli propinato l’ennesimo mattone pieno di gergo.


Ma cambiamo scenario, con un po’ di fortuna riusciremo a incontrare i nostri clienti e partner di persona nel breve futuro e si ricomincerà con presentazioni e slide nelle sale riunioni. Se la cosa ti sembra familiare magari hai anche presente lo sguardo spento di alcuni ascoltatori che dopo venti minuti han perso interesse e guardano nervosamente l’orologio. Anche qui il fumetto torna a salvare la situazione! Come nel caso precedente, una presentazione più colorita non solo aumenterà il tasso di attenzione, ma rimarrà più impressa, in poche parole fa un lavoro migliore. E questi sono solo esempi, ma pensa ad esempio alle newsletter, immagina rendere un momento atteso della settimana per chi la riceve, per scoprire cos’altro di interessante ha in serbo.


Vuol dire che dobbiamo riempire i nostri documenti e presentazioni di fumetti? Certo che no, se si trattano pur sempre di documenti tecnici è bene lasciare alle cose tecniche il giusto spazio. Il fumetto è incredibile, ma quando si parla di esposizioni lunghe e dettagliate comincia a mostrare dei limiti, non tutto può passare da lì. Ma magari un’introduzione a fumetti all’inizio di ogni capitolo può addolcire la pillola, o perché no, avere delle scenette a fondo pagina per dare al lettore qualcosa di più senza rubare spazio alle informazioni cruciali, i diari scolastici da questo punto di vista ha fatto… scuola. 


Quindi la prossima volta pensateci, il fumetto può rendere tutto più dolce.